lunedì 28 luglio 2014

IL CAFFE'



Il caffè è semplicemente il simbolo dall'amicizia, e dell'attenzione per se stessi e per il proprio benessere. Spezzare il ritmo convulso di certe nostre giornate andandoci a prendere un caffè (in compagnia, ma anche da soli) ci aiuta a non prenderci un esaurimento. Il vero segreto del caffè a Napoli è racchiuso nella miscela napoletana e nella sua particolare tostatura, che le conferisce una più scura colorazione rispetto a quella delle altre regioni italiane e straniere. Si dice della miscela napoletana che é “cotta al punto giusto”. Ciò significa che le è prestata una grande attenzione durante il processo di torrefazione e va bevuto secondo la regola delle 4 C :  comme  coce’ chistu caffè.
Ecco, dove avrei trovato la mia miscela napoletana, come avrei fatto a ricreare quella magia cantata da Eduardo nelle sue commedie.
Queste alcune delle domande che mi ponevo nel venire a vivere a Scauri che si accavallavano ad alcune certezza sulla mia scelta di vita…..ma il caffè…..?
Espresso, capsule, cialde ed altro in una ricerca spasmodica di quel piccolo piacere che tanto incide sulla giornata di un vero napoletano. Un vero miracolo che dalle terre di abissinia (Etiopia) si è diffuso nel mondo sotto forma di chicchi chiamati qahwa e che a Napoli è divenuto “rito”.
Orfano di tale piacere a Minturno, avevo appeso la mia macchinetta personale al chiodo in attesa di una soluzione. E la risposta era li, proprio a Marina di Minturno: “L’antique Colonial Cafè” di Antonio Guglielmo non una semplice torrefazione ma il tentativo di diffondere una cultura centenaria, una vera arte diffusa in tutto il mondo ma che la scelta anonima di cialde e capsule, il consumismo dei tanti Starbucks avevano “dozzinalizzato. Il caffè per piacere e non per abitudine, il caffè seduto in attesa della tostatura specifica della miscela scelta, il caffè quale filosofia di vita, cultura, incontro e conoscenza grazie al prof, Guglielmo ed il suo salotto, estremo tentativo (da non lasciare morire) di affermare il ruolo da protagonista, del caffè,  nel mondo dello slow food in alternativa al caffè, bistrattato nei vari Bar, da assurde contaminazioni (nocciola-panna od altro) o da un ruolo, solo subalterno, al solito cornetto o maritozzo.
Scusatemi, vi lascio, vado a comprare la miscela nel salotto di Antonio Guglielmo, all’Antique Colonial Caffè di Marina di Minturno e, nell’attesa della tostatura, mi godo quattro chiacchiere che nascono da un grande amore per quel piccolo “chicco nero”.

LE PAUSE

Cari lettori, per scrivere devo avere qualcosa da dire o avere voglia di farlo nonostante i fatti della vita, a volte, ti fanno chiudere in te stesso.

COMUNQUE E' UN PIACERE RIVEDERVI

IL RISPETTO DEL SINTOMO

Da oncologo di vecchia data ma, soprattutto da medico di vecchia data vorrei darvi un consiglio cher esula da questa elencazione, peraltro criticabile. Il concetto è che, in generale, bisogna rispettare il sintomo quale messaggio inviato dal proprio corpo o dalla propria mente, ma non bisogna divenire ipocondriaci, schiavi della paura delle malattie: il mio consiglio: la prima volta che si manifesta il sintomo: fregatevene; la seconda andate dal medico generico e se il sintomo passa grazie ad una diagnosi ed ad una spiegazione od ad una terapia, allora tutto a posto; se il sintomo, nonostante ciò che vi ho detto precedentemente, si fa risentire allora andate dallo specialista. E per finire, una volta avuto diagnosi e terapia dallo specialista, vistoi che si tratta di salute e non di patate andate a chiedere un secondo parere presso una delle istituzioni sanitarie considerate di eccellenza (in base al numero di casi trattati ed ai risultati ottenuti).

giovedì 12 giugno 2014

LA CARNE ROSSA FAVORISCE IL CANCRO

La solita boutade. Ogni eccesso fa male alla salute ma non è stato mai dimostrato che favorisca il cancro. E' solo una rilevazione statistica. Hanno scelto le donne americane che normalmente mangiano molta carne rossa per loro abitudini, quindi è normale la presenza di k mammario. Carne, alccol, sigarette, obesità, mettiamoci pure il sesso e non campiamo più. Per vostra tranquillità, ci vuole un difetto genetico per ammalarsi altrimentio il nostro organismo corregge tutte le anomalie. Il prof. Maltoni, a Bologna, decenno orsono, ha tenuto centinaia di cavie a fumare tutti i giorni per tutta la loro vita e non è mai riuscito a dimostrare che il fumo portasse al cancro. Questo non vuol dire che non sia coinvolto. Innanzitutto è dimostrato che distrugge le arterie (infarti-ictsu-etc) e poi statisticamente la maggiorparte degli affetti da K del polmone era fumatore. Altro esempio: solo il 10% dei grandi (alcolisti etc) grandi bevitori va incontro a cirrosi epatica: il consiglio: fanno male solo gli eccessi, il buon uso o le eccezzioni: NO